lunedì 4 dicembre 2023

𝙃𝙀𝙒𝙀 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨

 Una probabile (nuova) specie "gemella" del 𝙃𝙀𝙒𝙀 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨. Da un paio di mesi, Γ¨ stata pubblicata questa ricerca nella quale si parla di una possibile nuova specie di ominino, rinvenuta nella Cina orientale (in un sito a Hualongdong) ed appartenente ad un lignaggio umano sconosciuto.

Si tratta di un ritrovamento relativamente "completo", nel senso che sono state rinvenute varie componenti ossee come arti inferiori, mascella e buona parte del cranio antiche 300.000 anni circa. In primis, ciΓ² permette di capire che quelle regioni della Cina erano abitate da ominini antichi in un range temporale compreso tra gli 800.000 e i 12.000 anni circa mentre, in secondo luogo, i ricercatori hanno cercato di capire se si trattasse di un Neanderthal comparandolo, appunto, con individui giovanili e adulti di quest'ultima.
Insomma, morfologicamente parlando, presenta un mix di caratteri derivati e odierni, soprattutto la mandibola assomiglia sia a quella di un 𝙃. 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨ odierno che a quella di altri ominini piΓΉ derivati (recenti). CiΓ² che permette di escludere un'appartenenza alla nostra specie Γ¨ la mancanza del mento, in quanto quest'ultimo Γ¨ un carattere unico del Sapiens, quindi questo permette giΓ  di collocare questa possibile specie in qualche lignaggio parallelo e/o divergente al nostro.
Entriamo leggermente nel dettaglio
Il modello morfologico a mosaico presenta caratteri sia derivati che arcaici, come del resto possiamo notare in molte specie (come in 𝙃𝙀𝙒𝙀 π™£π™–π™‘π™šπ™™π™ž). Il corpo Γ¨ robusto, anche se la sinfisi risulta essere relativamente gracile mentre, la mandibola, la componente che mostra caratteri un po' piΓΉ interessante, risulta essere triangolare e curvata anteriormente come un ominino del Tardo Pleistocene. Non possiede, perΓ², un vero e proprio mento come ogni ominino derivato non-Sapiens. Possiede altri caratteri meno derivati, tipici di ominini del Pleistocene Medio: un planum alveolare pronunciato, un toro trasversale superiore, un corpo relativamente robusto e spesso, una cresta endocondiloideo pronunciata e un tubercolo pterigoideo mediale ben sviluppato.
Ci sono tante e varie caratteristiche, ma in generale questa particolare combinazione di caratteristiche umane arcaiche e moderne non Γ¨ presente in altri gruppi di ominini. Il campione tipo si chiama HLD6 differisce da tutti gli ominini rinvenuti in Cina del Tardo Pleistocene Medio in quanto sono presenti caratteri che noi consideravamo moderni, comparsi con la nostra specie che risulta essere relativamente piΓΉ "giovane"(derivata).
CiΓ² in primis suggerisce una diversitΓ  morfologica degli omini nel Tardo Pleistocene Medio, con questi caratteri moderni giΓ  presenti 300.000 anni fa circa e ben prima della comparsa di ominini moderni in Asia Orientale (𝙃. 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨ arriverΓ  da quelle parti molte migliaia di anni dopo).
Nonostante presenti qualche somiglianza con 𝙃𝙀𝙒𝙀 π™šπ™§π™šπ™˜π™©π™ͺ𝙨, pur non presentandone i caratteri tipici, questi individui potrebbero appartenere ad un gruppo asiatico del Pleistocene Medio distaccato proprio per via di quelle morfologie moderne, simili a quelle di un Neanderthal (almeno per la forma della sinfisi), o a quelle di un Sapiens rilevate nel viso, nella mandibola, nella dentatura e nel neurocranio. Il problema principale Γ¨ che ogni campione conserva resti scheletrici e dentali diversi, e ciΓ² rende impossibile al momento raggruppare questi individui in un'unica specie.
Quindi, a livello filogenetico, abbiamo diverse possibilitΓ :
-potrebbe trattarsi di un Denisova, anche se non mostra nessuna somiglianza con la mandibola di Xiahe;
-l'ipotesi accreditata Γ¨ che potrebbe trattarsi di una specie gemella dell'𝙃𝙀𝙒𝙀 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨. Una capacitΓ  cranica di circa 1420 cc, e la datazione compresa tra 309.000 e 138.000 anni circa, in combinazione con un cranio massiccio e uno scheletro facciale relativamente gracile, rappresenterebbe un lignaggio gemello a quello della nostra specie. Come lo Γ¨ il Denisova per il Neanderthal.
Insomma, sarebbe piΓΉ vicino a noi questi individui che un Neanderthal, e ciΓ² risulta essere davvero molto affascinante, soprattutto il tutto sarebbe spiegato grazie ad una ricerca di un paio di anni fa nella quale si individuava l'origine dell'ultimo antenato comune tra Sapiens e Neanderthal nell'Asia sudoccidentale, prima di espandersi in tutti i continenti dando origine al Sapiens in Africa e al Neanderthal in Eurasia.

Per la fonte, clicca qui


Cro-Magnon Γ¨ un termine che nell’immaginario collettivo Γ¨ sinonimo di “uomo preistorico”, per indicare 𝙃𝙀𝙒𝙀 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨ antichi. Ma non Γ¨ proprio cosΓ¬.
Il nome deriva da una grotta che si trova in una falesia della valle del Vézère, in Dordogna (Francia). Questa grotta venne scoperta nel 1868, durante la costruzione di una strada, ed emersero dagli scavi 5 scheletri associati a 5 individui, con annesse ossa fossili di animali e pietre intagliate attribuite alla cultura aurignaziana.
Si tratta di una sepoltura di 5 individui di 𝙃. 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨: 3 uomini, una donna e un bambino datati 28.000 anni circa. Uno dei 3 uomini era alto circa 180 cm, dotato di una muscolatura massiccia e, siccome mancavano tutti i denti, venne denominato “il vecchio”.
Il fossile divenne celebre a tal punto che il nome Cro-Magnon venne utilizzato per molto tempo per indicare ogni 𝙃. 𝙨𝙖π™₯π™žπ™šπ™£π™¨ europeo del Paleolitico Superiore(45.000-10.000 anni circa). Quindi, in parole povere, ci si riferisce a quegli individui vissuti in quell’arco temporale con “Homo sapiens anatomicamente moderno”.
Inoltre, possedevano un paio di caratteristiche anatomiche particolari:
-Le orbite erano rettangolari;
-La capacitΓ  cranica, in media, raggiungeva i 1500 cc(molto simile a quella del Neanderthal), maggiore rispetto ai sapiens moderni (1350 cc circa in media).

Per le fonti, clicca qui e qui


Nessun commento:

Posta un commento